© Barba e Capelli - L'informazione prima di tutti
HomePoliticaClemente: “Mantenere la pedonalizzazione, il lungomare libero dalle auto per Napoli è una visione di città”

Clemente: “Mantenere la pedonalizzazione, il lungomare libero dalle auto per Napoli è una visione di città”

Clemente: “Mantenere la pedonalizzazione, il lungomare libero dalle auto per Napoli è una visione di città”

Ai microfoni di Radio Crc Targato Italia questa mattina a Barba&Capelli di Corrado Gabriele è intervenuta Alessandra Clemente, assessore uscente dell’amministrazione de Magistris. Clemente ha parlato della sua visione della nuova amministrazione con il sindaco eletto Gaetano Manfredi e ha così commentato le nuove decisioni del primo cittadino: “Prima di tutto il lungomare deve essere pedonale, libero dalle auto. Questa è una visione della città data dall’ex sindaco de Magistris. Non si possono fare passi indietro”, così ha commentato Alessandra Clemente.

Solo pochi giorni fa, infatti, nemmeno il tempo di essere proclamato sindaco che Manfredi ha già preso le sue decisioni. Il primo cittadino ha annunciato di voler riaprire via Partenope al traffico e di renderla isola pedonale soltanto nei fine settimana e in alcune ore della giornata. E l’annuncio non ha fatto piacere ai più, tra cui de Magistris. 

“Il lungomare libero – sostiene l’ass. Clemente – è uno dei principali brand per rendere Napoli città del turismo, oltre che della cultura”. Non dobbiamo dimenticare che “i fondi strutturali della comunità europea sono stati impegnati in questi anni come non mai nella storia della città, proprio per progetti che vedremo a breve, come la riqualificazione del lungomare”, afferma Clemente. Dunque la decisione del sindaco Manfredi renderebbe vano gli sforzi di anni addietro.

In conclusione, Alessandra Clemente ha commentato l’appello lanciato dall’arcivescovo Mimmo Battaglia che richiede un patto educativo per Napoli. “L’appello di Battaglia invita la politica a schierarsi. Occorre rompere l’ipocrisia. La forza della mafie – aggiunge Clemente – sta soprattutto fuori da esse”. E, in tal proposito parla “dei colletti bianchi, di affaristi, dei politici disposti al denaro per ottenere ciò che vogliono”.

L’unica speranza per risollevare il nostro territorio è affidarsi “a una forte classe dirigente politica con le mani pulite e senza macchie”, conclude Clemente.

Per vedere e ascoltare l’intera intervista clicca sul link